fbpx

Il potere della gratitudine

”La gratitudine è non solo la più grande delle virtù, ma la madre di tutte le altre.”

 Cicerone

 

La vita moderna è frenetica. Spesso ci sentiamo sopraffatti dalle responsabilità personali, familiari e lavorative. In questi momenti in cui percepiamo crescere lo stress, trovare un equilibrio interiore diventa essenziale per mantenere il benessere psicologico e fisico. In questo articolo, esploreremo quindi insieme, il valore della gratitudine come pratica in grado di offrirci benefici tangibili per la nostra salute mentale e il nostro benessere generale.

 

La gratitudine un dono universale

La gratitudine è una delle prime cose che dovremmo imparare da bambini e dovrebbe essere una delle prime cose che da adulti insegniamo alle giovani generazioni. Tuttavia, in un mondo dove tutto sembra scontato e dovuto, pronunciare e accogliere un semplice “grazie” può diventare una sfida. Una sfida dalla quale faccio partire la mia coachee, la mia cliente, ogni volta che inizia un percorso “Io&Te” .

Ma che cos’è la gratitudine?

Innanzitutto non va confusa con la gratificazione, che è la soddisfazione semplice e immediata di un bisogno, e neppure con un comportamento formalmente ben educato. 

Gli psicologi l’hanno definita

come una risposta emotiva positiva che percepiamo quando diamo o riceviamo un beneficio da qualcuno (Emmons & McCullough, 2004).

La gratitudine implica una consapevolezza profonda e un sincero apprezzamento per tutto ciò che ci circonda. È una pratica intenzionale che ci chiede di focalizzarci sulle cose positive anziché sulle mancanze. Tuttavia essa non riguarda solo le circostanze positive perchè è conseguenza di quello stato mentale che ci permette di riconoscere anche nelle sfide, delle lezioni che ci consentono di evolvere nella nostra vita. 

Quando siamo grati, siamo in grado di sperimentare un senso di gioia, soddisfazione e serenità interiore, capace di trasformare la nostra visione del mondo e generare amore.

La cosa meravigliosa è che la gratitudine può essere allenata e tutti possiamo trasformarci in campioni facendola diventare un nostro punto di forza. 

 

La gratitudine e gli studi

Il dottor Robert Emmons, leader scientifico nello studio della gratitudine, ha scoperto che le persone riconoscenti sono più resistenti allo stress, hanno un alto senso di autostima e sono più ottimiste.

Ricordare regolarmente i motivi per cui siamo grati ci aiuta a focalizzarci sugli aspetti positivi della nostra vita, riducendo lo stress e migliorando il nostro umore. Inoltre può aiutarci a sviluppare una mentalità più ottimista e resiliente.

Nel 2019 è stato condotto uno studio presso un’università polacca per ricercare l’effetto dell’intervento della gratitudine sulle donne con cancro al seno. Lo studio ha rilevato che mentre alle donne venivano ricordate quotidianamente le cose belle della loro vita, la loro salute migliorava e così anche l’autostima e i sentimenti di ottimismo. 

Inoltre, secondo i risultati delle ricerche di Sonja Lyubomirsky, professore di psicologia dell’università della California, la gratitudine è una delle caratteristiche comuni delle persone più felici.

La gratitudine ha un impatto anche sul benessere fisico. Negli ultimi decenni i ricercatori di psicologia positiva e di salute mentale hanno stabilito una connessione tra questa e una buona salute. Ad esempio:

  1. Allevia il Dolore. Una ricerca mirata a esplorare l’impatto della gratitudine sul benessere fisico ha rivelato che il 16% dei pazienti che tenevano un diario della gratitudine riportava una diminuzione dei sintomi dolorosi ed era più incline a fare esercizio e a seguire le indicazioni terapeutiche. Esaminando più a fondo, è emerso che la gratitudine, regolando i livelli di dopamina, aumenta la vitalità e riduce la percezione soggettiva del dolore (Emmons & McCullough, 2003).
  2. Migliora la Qualità del Sonno. Ricerche hanno dimostrato che gesti semplici di gentilezza e gratitudine attivano l’ipotalamo, il che aiuta a regolare vari meccanismi corporei, incluso il sonno. Questa regolazione ipotalamica indotta dalla gratitudine favorisce un sonno più profondo e sano ogni notte. Un cervello colmo di gratitudine e gentilezza tende a dormire meglio e a svegliarsi più fresco ed energico (Zahn et al., 2009).
  3. Riduce Ansia e Depressione. La gratitudine può ridurre significativamente i sintomi di ansia e depressione grazie alla diminuzione degli ormoni dello stress e alla regolazione delle funzioni del sistema nervoso autonomo. Neurochimicamente, i sentimenti di gratitudine sono associati a un aumento dell’attività nella corteccia prefrontale, l’area del cervello che gestisce le emozioni negative come colpa, vergogna e aggressività. Di conseguenza, le persone che tengono un diario della gratitudine o esprimono verbalmente la gratitudine tendono ad essere più empatiche e positive (Zahn et al., 2009).

 

Gratitudine verso gli altri? Non solo

Elogiarsi allo Specchio

Ogni giorno, prendiamoci qualche minuto per stare di fronte a uno specchio e dirci tre cose positive su noi stessi. Questi possono essere successi passati, sforzi attuali, talenti o qualità personali. Pronunciamo a voce alta frasi come: “sono meravigliosa”, “sono generosa”, “sono disciplinata”, “sono onesta”. Notiamo poi come queste parole hanno influenzato il nostro umore. Questo esercizio può diventare una routine quotidiana.

Esempio: “Oggi mi complimento per la mia pazienza nel risolvere quel problema al lavoro.”

Mostrare e Accogliere la Felicità

Impariamo a non trattenere la nostra gioia, e non abbiamo timore di ridere. Quando ci sentiamo felici, condividiamo questa sensazione anche con gli altri. Ricordiamoci quanto abbiamo lavorato per raggiungere i nostri obiettivi e ricordiamoci che meritiamo di godere dei nostri successi. Che si tratti di un grande traguardo o di un piccolo progresso, riconosciamo la nostra felicità e siamo grate per il momento presente. Abbracciare la felicità ci renderà più forti e più consapevoli di ciò che abbiamo e ci preparerà meglio alle sfide future.

Esempio: “Ho finito quel progetto complicato, merito di festeggiare con una cena speciale.”

Incontri di Gratitudine

Tutti abbiamo qualcuno la cui presenza nella nostra vita ha avuto un grande impatto. Può essere un’amica, un parente, una collega. Ricordiamoci di condividere con lei o con loro la nostra gratitudine, facciamo memoria dei bei ricordi e offriamo il nostro sostegno. Incontrare e parlare con queste persone ci regalerà un immediato senso di positività e sacralità, rafforzerà i legami e arricchirà entrambi di gratitudine.

Esempio: “Incontrare la mia vecchia insegnante di musica e ringraziarla per avermi ispirato ha reso la mia giornata speciale.”

 

Il diario della gratitudine

Praticare la gratitudine richiede una scelta consapevole e alcune azioni semplici ma efficaci. Ecco alcuni passaggi per integrare la gratitudine nella tua vita quotidiana:

Decidi di Vivere la Gratitudine. La prima cosa da fare è decidere consapevolmente di voler vivere con gratitudine. Inizia inserendo la parola grazie nel tuo vocabolario quotidiano. Dì grazie al tuo collega, grazie all’impiegato delle poste, grazie a chi ti ha preparato il caffè al bar, grazie a tuo marito quando rientra a casa… Riconosci che la gratitudine aggiunge valore alla tua esistenza e ti permette di vedere il mondo con occhi diversi.

Tieni il Diario della Gratitudine. Dedica qualche minuto al mattino e alla sera per scrivere sul tuo diario tre motivi per cui sei grata. Potrà essere un’aperitivo preso con la tua amica, una giornata di sole o un sorriso dalla commessa del negozio. Questo esercizio ti permetterà di iniziare la giornata con un atteggiamento positivo e di concluderla riconoscendo e interiorizzando la ricchezza delle esperienze vissute, esperienze che molto spesso diamo per scontate. Ricorda di tenere il diario a portata di mano, magari sul comodino o sul tavolino dl salotto, in modo che ti faccia da promemoria della pratica.

Sii Grata per le Piccole Cose. Impara a essere grata non solo per le grandi conquiste ma anche per le piccole situazioni quotidiane. Spesso è più facile riconoscere la gratitudine quando superiamo una grande sfida o riceviamo un premio significativo. Tuttavia, è altrettanto importante essere grati per un abbraccio, una telefonata inaspettata o un piatto ben cucinato sulla tavola. Riconoscere queste piccole gioie quotidiane e scriverle sul diario può fare una grande differenza nel nostro stato d’animo. Imparerai a riempire la giornata di sorrisi che, partendo dentro di te, hai la possibilità di regalare anche a chi ti sta attorno.

Rivivi e Accogli l’Emozione della Gratitudine. Dopo aver scritto sul diario le tre cose per cui sei grata, fermati qualche secondo e cerca di sentire dentro di te questa emozione. Visualizzala, rivivila e accoglila. Con il tempo, riconoscerai più facilmente questa emozione e diventerà una parte sempre più forte della tua vita.

Non dimenticare che un semplice gesto di gratitudine può avere un impatto significativo sulla tua vita, aiutandoti a vedere il mondo con occhi pieni di luce e a vivere con un cuore aperto e ricco di amore.

Per aiutarti a coltivare la gratitudine ti ho preparato altri spunti concreti per introdurre questa pratica nella tua vita li puoi scaricare qui sotto.

 

Ti è piaciuto il mio articolo? Puoi condividerlo!

Potrebbe interessarti…

Il potere della gratitudine

”La gratitudine è non solo la più grande delle virtù, ma la madre di tutte le altre.”  Cicerone   La vita moderna è frenetica. Spesso ci sentiamo sopraffatti dalle responsabilità personali, familiari e lavorative. In questi momenti in cui percepiamo crescere lo stress, trovare un equilibrio interiore diventa essenziale per mantenere il benessere psicologico e fisico. In questo articolo, esploreremo quindi

Leggi articolo

Il silenzio: ascoltare oltre il rumore

In un’epoca definita dal rumore incessante e dall’overload informativo, il silenzio emerge come un baluardo contro l’assordante routine quotidiana. Viviamo immersi in un mare di rumori, di voci, di informazioni ed è proprio in questo contesto che il silenzio assume un valore inestimabile. Come possiamo riscoprire il silenzio nella società moderna? Sono una persona che ama ballare, mi piace cantare

Leggi articolo

Mogli prima che madri

Quante volte mi capita di affrontare insieme alle clienti, nei mie percorsi Io&Te, questioni riguardanti la vita di coppia dopo i figli. Qual è il problema principale che emerge?  Ci si dimentica che prima di essere madri si è mogli, prima di essere genitori, si è coniugi. Noi pensiamo che il matrimonio sia un evento del passato, un qualcosa che

Leggi articolo
Benvenuta, sono Emanuela Fontana e sono una life coach. Vivo a Milano ma lavoro con donne da ogni luogo. Questo blog è uno spazio per tutte noi, per parlare di temi che ci sono cari: crescita, libertà, lavoro, autostima e relazioni. Ma il mio blog vuole essere anche un’occasione per percorrere insieme, passo dopo passo, quel cammino che ci condurrà a provare amore verso noi stesse e a donarlo agli altri.

CATEGORIE

Se vuoi continuare a leggermi, iscriviti anche a “Bouquet”, la mia newsletter mensile. In regalo per te, il mio percorso gratuito “A come amarsi”.