fbpx

Mogli prima che madri

Quante volte mi capita di affrontare insieme alle clienti, nei mie percorsi Io&Te, questioni riguardanti la relazione matrimoniale dopo l’arrivo dei figli.

Qual è il problema principale che emerge?

 Ci si dimentica che prima di essere madri si è mogli, prima di essere genitori, si è coniugi.

Noi pensiamo che il matrimonio sia un evento del passato, un qualcosa che abbiamo vissuto anni addietro. Una bella cerimonia organizzata con tutti i crismi e carismi, un vestito da favola, uno stuolo di amici e parenti che continuano a complimentarsi, un viaggio di nozze paradisiaco, giornate entusiasmanti da vivere senza pensieri e poi… ecco arrivare il primo figlio che viene ad accrescere la gioia nella coppia ma anche, inevitabilmente, a sconvolgere ritmi e abitudini.

La comunicazione nella coppia incomincia a modificarsi e con essa la relazione. Non si parla più di “noi due”. Si sogna per la nuova creatura, si progetta un futuro insieme, si parla anche delle tante cose da fare, perché il piccolo chiede di essere accudito.

Ed ecco che sembra non esserci più un minuto per guardare negli occhi il proprio coniuge se non per darsi il bacio della buona notte prima di sprofondare tra le braccia di Morfeo. Non abbiamo più le forze di uscire la sera e la pigrizia e l’abitudinarietà incominciano a insediarsi nel nostro animo.

Questo è un momento delicato per la coppia, è il momento nel quale lui e lei devono nutrire ancora di più il loro amore, quell’amore che è il fondamento della famiglia che stanno costruendo.

Questo è il momento per seminare e far crescere la complicità affinché, quando i figli lasceranno la casa, e capiterà con una velocità sorprendente, i due coniugi possano godere di un campo ricco di frutti, di condivisioni, di interessi, di ascolto, di conoscenza reciproca, di donazione…

Non dobbiamo dimenticare che il matrimonio è una fiamma che va alimentata, un evento dinamico che si crea e si rinnova ogni giorno. In questo dinamismo le crisi si alternano a momenti di stupore. E’ una danza continua che ha il compito di farti crescere come persona e migliorare come coppia.

Ogni giorno quindi siamo chiamati a dire il nostro “sì”, a impegnarci in questa scelta rinnovando costantemente l’amore, attraverso piccoli e semplici gesti quotidiani, per rendere quel sì dono di gioia e riempire il nostro serbatoio di amore.

Sì ma che fatica! mi dirai.

E’ vero, talvolta è davvero impegnativo, talvolta vorresti mollare tutto, talvolta ti sembra di non andare avanti.

Ma… quando meno te l’aspetti, scorgi una luce che ti mostra quanto sia bello il percorso che stai compiendo e ti accorgi che, in quel momento di fatica, il tuo coniuge nel silenzio ti precedeva per renderti il cammino privo di inciampi. Tu senti riprendere la forza. Con entusiasmo continui nel sentiero della vita, cercando di non spegnere quella luce che ti ricorda che il tuo cammino di sposa vale la pena di essere percorso.

C’è una cosa, semplice e concreta, che desidero che tu possa sempre ricordare nel tuo percorso di coppia: quando nella tua agenda programmerai i tuoi impegni e quelli dei tuoi figli non dimenticare mai di inserire un momento speciale con tuo marito durante la settimana, che sia per te una priorità, il carburante per la tua relazione.

Come tu ben sai il mondo non ci lascia tregua, ci spinge a fare, correre, performare, produrre, ci distrae con gratificazioni immediate e veloci e noi veniamo in parte attratte e in parte subdolamente coinvolte in questa ruota vorticosa.
Ma la vita è nelle nostre mani, non dobbiamo mai dimenticarcelo e, consapevoli di questi ritmi che il mondo sembra imporci, noi dobbiamo riportare alla nostra mente quali sono i nostri valori e le nostre priorità.

Ricorda che la coppia e il tuo matrimonio  ha bisogno di uno spazio e di un tempo dedicato, non farti travolgere dalle mille cose da fare perché, credimi, ci sarà sempre qualcosa che cercherà di rubarti tempo e di indurti a pensare che è assolutamente indispensabile che tu compia quella determinata azione.

Se mi segui da un po’ sai quante volte ti dico che è importante fermarsi, arrestare la corsa per ripartire più centrate, più consapevoli, più determinate.

Ebbene lo stesso capita nella coppia. 

Metti da parte pc, smartphone, lavatrici o panni da stirare e fermati con il tuo coniuge, magari stando semplicemente seduta sul divano accanto a lui ascoltando della musica, sfogliando vecchie fotografie, sorseggiando un bicchiere di vino e riprendete a guardarvi negli occhi come quando da fidanzati non smettevate mai di fare. Programmate una gita fuori città, in mezzo alla natura o in giro per siti archeologici, una cena nel vostro ristorante preferito o un aperitivo nel bar sotto casa, leggete un libro insieme o guardate un film…

Qui ti ho preparato 12 punti da non dimenticare mai se vuoi crescere nella coppia. Se ti fa piacere puoi scaricarlo o condividerlo con un’amica.

non scordare mai di smuovere la cenere e vedrai che il fuoco è pronto a riprendere la sua forza!

 

Ti è piaciuto il mio articolo? Puoi condividerlo!

Potrebbe interessarti…

Mogli prima che madri

Quante volte mi capita di affrontare insieme alle clienti, nei mie percorsi Io&Te, questioni riguardanti la relazione matrimoniale dopo l’arrivo dei figli. Qual è il problema principale che emerge?  Ci si dimentica che prima di essere madri si è mogli, prima di essere genitori, si è coniugi. Noi pensiamo che il matrimonio sia un evento del passato, un qualcosa che

Leggi articolo

Confronto o paragone?

Trascrizione dal Podcast (Straordinariamente donna) Confrontare e paragonare sono due vocaboli che spesso utilizziamo come sinonimi. Quante volte ti è capitato di pensare che la tua amica ha un lavoro entusiasmante, che la famiglia della tua vicina sembra quella della serie “Una casa nella prateria”, che i capelli della mamma del compagno di classe di tuo figlio sono belli e

Leggi articolo

Vivere il presente

Vivere nel qui ed ora, vivere nel presente è la grande sfida che ci viene chiesta affinché la nostra sia un’esistenza pienamente consapevole. Qualche tempo fa mi è capitato di leggere una biografia di Sir William Osler, un medico canadese che visse tra il 1849 e il 1919. Una figura molto importante della medicina di quell’epoca tanto che molte malattie o

Leggi articolo
Benvenuta, sono Emanuela Fontana e sono una life coach. Vivo a Milano ma lavoro con donne da ogni luogo. Questo blog è uno spazio per tutte noi, per parlare di temi che ci sono cari: crescita, libertà, lavoro, autostima e relazioni. Ma il mio blog vuole essere anche un’occasione per percorrere insieme, passo dopo passo, quel cammino che ci condurrà a provare amore verso noi stesse e a donarlo agli altri.

CATEGORIE

Se vuoi continuare a leggermi, iscriviti anche a “Bouquet”, la mia newsletter mensile. In regalo per te, il minipercorso gratuito “A come amarsi”.